domenica 8 maggio 2016

Cheescake allo yogurt greco

Lo yogurt greco è stata una scoperta. Per la sua consistenza e per il suo sapore assomiglia ad un formaggio spalmabile, ottimo per questa cheescake. Un dolce importante dal punto di vista calorico, ma molto apprezzato per il suo sapore particolare. La ricetta ha origini nell'antica Grecia dove veniva servita agli atleti durante le olimpiadi per fare il pieno di energia. La versione moderna ha matrice americana con le sue numerose varianti. La si può realizzare completamente a freddo o cuocere in forno utilizzando come ingrediente base formaggio fresco e molta fantasia.


Ingredienti (ricetta per 10/12 persone)

Yogurt greco 2 vaschette da 170 gr.
Philadelphia light vaschetta da 200 gr.
Panna montata zuccherata 50 gr.
Biscotti secchi 250 gr.
Burro 120 gr.
Zucchero 130 gr.
Fragole 200 gr.

Procedimento

Per realizzare la base della cheesecake unire i biscotti frullati con il burro fuso. Appiattire il composto sul fondo di una tortiera foderata di carta forno e mettere in frigo per mezz'ora.
Per la preparazione della crema unire lo yogurt, il formaggio Philadelphia, la panna montata e lo zucchero, amalgamandoli con un cucchiaio. Lasciare in frigo il tempo necessario a far scaldare il forno a 160 gradi.
Nel frattempo procedere con la composta di fragole che vanno tagliate grossolanamente e messe a macerare con un cucchiaio di zucchero. Andranno poi cucinate fino a quando saranno simili ad una marmellata.
A questo punto riprendere la base di biscotto e coprirla con la crema, infornare e cuocere per circa mezz'ora.
Lasciar raffreddare la cheescake, guarnendola con la composta di fragole e mettere in frigorifero per almeno un paio di ore prima di gustarla. Per toglierla dalla teglia senza rompere la base sollevarla con la carta forno quando sarà completamente raffreddata.

martedì 15 marzo 2016

Tartare di manzo

La tartare è una ricetta di origine francese a base di carne cruda. Il nome deriva dai guerrieri Tartari che, viaggiando molto, avevano necessità di mangiare pasti veloci. Durante gli spostamenti si portavano questa carne che, al momento di consumarla veniva battuta e macinata. In seguito si diffuse in Russia poi in Francia dove fu adottata come ricetta tradizionale. È indispensabile che gli ingredienti siano freschissimi. La fantasia consente diverse varianti nel condimento, mantenendo come base la carne di manzo o di cavallo.


Ingredienti (ricetta per 1 porzione)

150 gr. di carne macinata freschissima
1 tuorlo di uovo
Sale q.b.
Pepe q.b.
Erba cipollina q.b.
Prezzemolo q.b.
1 manciata di capperi
1 piccola cipolla
1 cucchiaio di senape
Succo di 1/2 limone
Olio extravergine di oliva

Procedimento

La carne deve essere magra e tagliata al coltello, in alternativa si può scegliere la polpa sceltissima.
Condire la carne con tutte le spezie e gli aromi tritati finemente. Aggiungere la senape il succo di limone e l'olio extravergine di oliva, poi mescolare per amalgamare bene il tutto. Il tuorlo dell'uovo può essere incorporato oppure appoggiato sopra il composto di carne.
Lasciar riposare un'oretta in frigo poi servire su un letto di insalata macinando sopra del pepe nero.



domenica 7 febbraio 2016

Scaloppine al limone

Nella ricetta originale milanese si utilizza il vitello. Io ho utilizzato il pollo che presenta una carne più morbida e apprezzata soprattutto dai bambini. La ricetta è semplice, veloce da preparare anche all'ultimo momento.



Ingredienti (ricetta per 4 persone)

8 fettine di pollo sottili
Sale
Erba cipollina
Succo di 1/2 limone
2 cucchiai di brodo
Olio evo
1 cucchiaio di farina
2 noci di burro

Procedimento

Prima di cucinare le fettine si mettono a marinare per 10/15 minuti con il sale, l'erba cipollina, il succo di limone e l'olio.
In una padella antiaderente mettere le fettine con la marinata, aggiungendo a freddo la farina, il burro e il brodo.
Far cuocere a fuoco lento per circa venti minuti girando la carne un paio di volte, fino a quando il sugo di cottura sarà diventato una delicata salsina.
Servire calde accompagnate da una fresca insalatina.